Home :: Gite :: Rifugio calvi e monte avanza
Da Sabato 12 Settembre a Domenica 13 Settembre 2020
Alpi Carniche Occidentali - Sorgenti del Piave - Sappada
[RIFUGIO CALVI e MONTE AVANZA - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita è necessario iscriversi in tempo utile per prenotare i posti in rifugio.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o di sicurezza lo richiedessero

RIFUGIO CALVI - m. 2164 e MONTE AVANZA - 2489

Gita in collaborazione con gli AsSassiNati, il Gruppo Roccia del CAI SanVito.

Il Monte Avanza appare come una cattedrale di roccia bianca, posto ad est del più conosciuto e frequentato monte Peralba. La salita richiede un po’ di impegno tecnico ma è pienamente soddisfacente per il panorama a 360° che si gode dalla cima. La salita per la via normale si snoda in un percorso vario e divertente e il percorso è interessante anche per i numerosi resti della Grande Guerra che vi si trovano.

Avvicinamento in auto: Da Villa Santina si va a percorrere la SR355 della Val Degano fino al paese di Cima Sappada dove, dietro la chiesa, inizia la strada che, attraverso la Val Sesis, porta al parcheggio del rifugio Sorgenti del Piave dove si lascia il veicolo.

1° giorno: dal parcheggio (m. 1815) si sale per una carrareccia al rifugio Calvi (m. 2136) dove si pernotta. Se vi sarà tempo sono possibili brevi e interessanti percorsi in zona.

2° giorno: il percorso inizia dietro al rifugio, per sentiero n° 132, raggiunge il passo Sesis (m.2367) dove svolta a dx su sent. n° 173 dove si passa per un breve tratto attrezzato che aiuta a superare un roccione sotto le pareti nord del Pic Chiadenis, poi si supera il falso passo dei Cacciatori e si scende in breve a quello vero (m. 2213).
Dal passo si scende sul versante opposto fino ad un avvallamento ai piedi delle Torri Genziane. Da qui si sale per una traccia il ripido ghiaione che sale fino a forcella delle Genziane, dove comincia il tratto più impegnativo. Si sale a zig-zag e si piega poi a destra lungo una cengia fino ad un intaglio (I°, un tratto di cavo nel punto più esposto). Si supera l´intaglio e si segue la successiva cengia fin dove questa muore in un canalino che va superato (I° esposto) e permette di guadagnare la calotta sommitale ghiaiosa. Senza percorso obbligato si raggiunge la piccola croce di vetta, passando attraverso resti di postazioni della Grande Guerra. Discesa per lo stesso percorso di salita.

Dislivello in salita; 1° giorno: m. 320 + eventuali altri percorsi
Dislivello in salita; 2° giorno: m. 500 ca
Difficoltà; 1° giorno:  E
Difficoltà; 2° giorno:  EE (passaggio esposto su cengia con cavo passamano)
Equipaggiamento: da escursione in montagna
Trasporto: mezzi propri

Capigita: Matteo De Piccoli, Renzo Schiabel

NOTA: questa gita che viene proposta in collaborazione con il Gruppo Roccia del CAI Sanvito è l’appuntamento annuale che escursionisti e arrampicatori si danno per la quinta volta consecutiva.

Il primo giorno è dedicato ad una breve escursione in zona mentre il Gruppo Roccia è impegnato ad arrampicare nelle numerose vie delle belle falesie che attorniano il Rif. Calvi. Il resto del tempo ci consentirà di fare un po’ di festa insieme.

N.B.: per chi non potrà essere presente il sabato rimane comunque la possibilità di salire la domenica mattina , dandone notizia al momento dell’iscrizione.