Home :: Bivacchi :: Casera pramaggiore :: Presentazione
PRESENTAZIONE - REGOLAMENTO - CONTATTI

Verso la metà degli anni '60 presso la malga Pramaggiore si smise la monticazione e per la ormai vecchia Casera Pramaggiore ebbe inizio l'inesorabile degrado strutturale, provocato dall'abbandono e dalla mancanza di manutenzione, infine le abbondanti nevicate degli anni '79 e '80 causarono il crollo di una parte, riducendola ad un cumulo di ruderi.

La sezione del CAI di San Vito al Tagliamento, che cercava un luogo dove realizzare un bivacco alpino, chiese ed ottenne di poterla ricostruire per adibirla a tal fine. I lavori iniziarono nelle primavera del 1982 e terminarono con la cerimonia inaugurale che si svolse il 25 settembre 1983.

Il bivacco "Casera Pramaggiore" sorge a quota m. 1812 nel versante sud del Monte Pramaggiore, in bella posizione panoramica e soleggiata a margine de "I Pianons", gli estesissimi prati ex pascolo della casera.
E' una costruzione in muratura e legno, 
composta da due vani posti su due piani, dotata di stufa, zona prenzo e dieci posti letto a castello. Acqua e legna sono reperibili nelle vicinanze.
Grazie alla continua manutenzione e cura la struttura è in ottime condizioni. Nel 2000 è stata sostituita la scala e il poggiolo che dall'esterno danno al piano superiore, dove vi sono otto posti letto a castello.

Il sentiero d'accesso più diretto sale dalla rotabile della Val Settimana (Claut), è contrassegnato da segnavia CAI n° 366 ed ha inizio presso il parcheggio del Ciol de Pes a quota 907 mt. Non presenta difficoltà di rilievo e si può giungere al bivacco in circa 2 ore e 30', con un dislivello di poco superiore a 900 mt. (vedi la pag. Vie d'accesso e traversate).

 

REGOLAMENTO
per l’utilizzo del bivacco alpino “Casera Pramaggiore”

(Estratto dal Regolamento Generale Rifugi e Bivacchi del C.A.I.)

1) Il bivacco alpino "Casera Pramaggiore" è affiliato alla “Fondazione Berti”, è di proprietà del Comune di Claut e concesso in comodato d’uso alle Sezioni C.A.I. di San Vito al Tagliamento e di Claut.
E' sempre aperto e consente a chi vi trova riparo il pernottamento di fortuna (massimo una notte), qualsiasi eccezione deve essere accordata dalle Sezioni di San Vito al Tagliamento e/o Claut.

2) Il pernottamento prevede un contributo di € 3,00 a persona per spese di manutenzione, da versare alla Sezione di San Vito al Tagliamento e/o Claut direttamente o tramite vaglia postale.

3) I visitatori od ospiti sono tenuti a:
- rispettare un corretto costume civile;
- osservare un perfetto ordine e un’accurata pulizia;
- evitare ogni spreco di acqua e legna e ripristinarne le scorte;
- rispettare l’ambiente circostante e riportare a valle i propri rifiuti;
- rispettare il massimo silenzio dalle 22.00 alle 6.00 evitando rumori inutili e spegnendo ogni fonte luminosa così da non recare disturbo ad altri ospiti;

4) Per ragioni strutturali è sempre vietato lo stazionamento nel vano superiore a più di OTTO persone;

5) Ogni visitatore od ospite dovrà avere la massima cura dei materiali e suppellettili in dotazione al bivacco. Di ogni danno causato al suddetto materiale o alla struttura dovrà essere data immediata comunicazione agli ispettori o direttamente alla Sezione di San Vito.

6) All’interno dei locali è vietato: - fumare;   -accendere fuochi a fiamma libera;    - far entrare cani e/o altri animali;

7) Chiunque, a qualsiasi titolo abbia ad utilizzare la Casera è tenuto al rispetto del presente regolamento.

Contatti:

Ispettori:
Jacopo Verardo  (tel. 0434/561029)
Dora Lisa  Rosalen  (tel. 0434/550093)

Sezione CAI di San Vito al Tagliamento
Via dello Sport, 1
33078 San Vito al Tagliamento
Telefono e Fax: 0434 876521
Orari apertura sede: Martedì e venerdì dalla ore 21.00 alle 22.00

 

[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]
[IL BIVACCO CASERA PRAMAGGIORE]