Home :: Gite :: Archivio :: Traversata della rodica
Da Sabato 22 Agosto a Domenica 23 Agosto 2015
Alpi Giulie Orientali – Slovenia
[TRAVERSATA della RODICA - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso la segreteria della sezione aperta il martedì e venerdì dalle ore 21.00 alle 22.00.

Gita con massimo 10 partecipanti, le iscrizioni entro venerdì 07 agosto o fino ad esaurimento dei posti.

L'iscrizione si untende formalizzata con il versamento della caparra di € 20.00

Vedi il regolamente gite sociali.

TRAVERSATA dalla RODICA – m. 1966 al ČRNA PRST m. 1844

Alpi Giulie Orientali – Slovenia

Gita in collaborazione con il CAI di Monfalcone

Una lunga escursione in Slovenia, nel territorio del Parco Nazionale del Triglav, lungo la catena montuosa che delimita a sud il lago di Bohinj, con panorami spettacolari che vede insieme alcune tra le vette più alte delle Alpi Giulie dall’aspetto desertico-lunare mentre a quote inferiori regnano foreste lussureggianti.

Avvicinamento: sabato 22, con mezzi propri si raggiungerà la stazione ferroviaria di Nova Gorica dove saliremo sul treno che ci porterà a Bohinjsca Bistrica per giungere infine alla stazione a valle della Funivia del Vogel (m. 569), che si utilizzerà per arrivare allo Ski Hotel Vogel (m. 1500).
Poco lontano si trova il rifugio Planinska Koča Merjasec (m. 1537), presso il quale si pernotterà, ma nel pomeriggio sarà possibile organizzare una bella escursione nella zona.

Il mattino di domenica 23 avrà inizio l’escursione verso il monte Šija (m. 1800) e poco sotto la vetta si incrocia il sentiero n° 1 denominato “Transversala Slovena” che collega tutte le più importanti cime del Paese. Con moderati saliscendi si prosegue per circa due ore per raggiungere le pendici della Rodica e con un’ultima erta salita si giunge alla vetta (m. 1966), dove si trova una Rosa dei Venti in acciaio che indica tutte le cime visibili e la loro direzione (qui sosta e pranzo al sacco).

Qui ha inizio la nostra panoramica traversata che segue la cresta lungo il sentiero che passa da un versante all’altro e che si snoderà su una lunghezza di circa 10 Km. Il percorso, non sempre agevole, in alcuni punti esige molta attenzione nell’attrversare delle lame inclinate; in cambio ci consentirà di godere di in ambiente davvero spettacolare. Sono previste tre ore per raggiungere la cima del Črna Prst (m. 1844) e del vicino rifugio Dom Zorka Jelinčiča, (m. 1835). Spettacolare il panorama che si gode verso la vallata del lago di Bohjni, incorniciato dalle Alpi Giulie con l’onnipresente Triglav.

La discesa inizia verso la vicina forcella Čez Shuo e, costeggiando una zona rocciosa, prosegue verso valle passando per la malga, ormai dismessa, Planina za Črno Goro (m. 1340), per proseguire verso la Mencingerjeva koča (m. 805), punto di ristoro in magnifica posizione panoramica. Dopo una sosta si continuerà la discesa che passerà presso un cimitero con centinaia di croci dove riposano le spoglie dei cauduti della Prima Guerra Mondiale, per giungere infine a Bohinjska Bistrica (m. 512) e alla stazione ferroviaria per salire sul treno che ci ricondurrà a Nova Gorica.

Difficoltà: EE
Dislivello in salita m. 1000;
Dislivello in discesa: m. 1350;
Trasporto: mezzi propri fino a Nova Gorica, poi treno fino a Bohinjska Bistrica
Capigita: Ugo Danelon, Daniel Danelon