Home :: Gite :: Archivio :: Traversata del monte ciaurlec
Domenica 21 Aprile 2013
Prealpi Carniche - Massiccio del Ciaurlèc - Toppo (PN)
[TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery
[TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 2][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 3][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 4][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 5][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 6][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 7][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 8][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 9][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 10][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 11][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 12][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 13][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 14][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 15][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 16][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 17][TRAVERSATA DEL MONTE CIAURLEC - 18]

Prenotazione obbligatoria entro 12 aprile 2013.

Le iscrizioni saranno aperte da martedì 2 aprile 2013 fino ad esaurimento dei posti disponibili, presso le Segreterie delle Sezioni di San Vito e Spilimbergo, dove sarà possibile reperire ogni altra informazione.

CAMMINA CAI 150° - LA MONTAGNA UNISCE
Manifestazioni per il 150° di Fondazione del CAI
In collaborazione con la sezione CAI di Spilimbergo

Il Ciaurlèc è un ampio areale delle prealpi carniche situato a ridosso della pianura friulana occidentale, costituito da un continuo susseguirsi di piccoli rilievi, avallamenti e doline, con altezze che variano continuamente e la cui elevazione massima di m. 1148 è presso la vetta.
La sua struttura è prevalentemente calcarea, con strati marnosi affioranti attorno ai 500-700 m., nella sommità dell’altopiano il terreno è carsico e quasi completamente privo di acqua, la quale invece affiora in vari punti nella zona marnosa.
Il versante meridionale è coperto da prati intercalati da boschetti di ontano, acero e betulla; il versante settentrionale risulta più freddo e ricoperto da bosco a prevalenza di faggio.
L’escusione inizia dalla strada che collega Pradis con Campone, in località Piani di Gerchia (m.673), passa per casera Selvàz (m. 845) e con brevi deviazioni dal sentiero, si potranno visitare luoghi suggestivi e appartati come “li Ciameratis” e la forra della sorgente “il Fornàt”.
Salendo si giunge alla casera Tamer Alta (m. 1115) e infine si guadagna l’altopiano sommitale del Cjaurlèc ed il rilievo che segna il punto più alto (m.1148) dove lo sguardo spazia verso la pianura e a nord verso le vicine Prealpi Carniche.
Scesi dalla cima, si giunge alla casera Sinich (m. 849) e poi a casera Davass (m. 891), recentemente ristrutturata da volontari del CAI di Spilimbergo.
Dalla casera si guadagna il breve risalto erboso che porta sul monte Davanti (m. 947), eccezionale balcone panoramico da cui lo sguardo percorre tutta la pianura friulana fino al mare.
Proseguendo nella discesa si giunge a casera Tamer Bassa (m. 590 ) e, poco prima di concludere l’escursione, con breve deviazione si visiteranno i resti del castello di Toppo, dominante il paese.

Difficoltà: E
Dislivello in salita: m. 700
Dislivello in discesa: m. 1100
Tempi di percorrenza: ore 6 + le soste
Trasporti: corriera

Note: assenza di sorgenti d’acqua lungo il percorso

Capigita: Commissione Escursionismo

Per facilitare il rientro dei partecipanti, è previsto un servizio di bus-navetta che collegherà San Vito e Spilimbergo con Pradis e al termine, se necessario, Toppo con Pradis.

Prenotazione obbligatoria entro 12 aprile 2013.

Le iscrizioni saranno aperte da martedì 2 aprile 2013 fino ad esaurimento dei posti disponibili, presso le Segreterie delle Sezioni di San Vito e Spilimbergo, dove sarà possibile reperire ogni altra informazione.