Home :: Gite :: Ricovero monte forcella - m.1098
Domenica 02 Dicembre 2018
Alpi Tolmezzine - Gruppo Amariana - Amaro (UD)
[RICOVERO MONTE FORCELLA - m.1098 - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdì che la precedono.

Classico itinerario autunnale, che dal fondo valle raggiunge prima la località degli Stavoli Vallaconin, nota anche come dimora dell’ “Ors di Mariane”, e poi l’accogliente ricovero del Monte Forcella, posto in posizione panoramica, sulla dorsale spartiacque tra il versante del fiume Fella da quello del torrente Variola e del torrente Glagnò.

Percorrendo la SS13 Pontebbana, poco dopo l’abitato di Carnia, si imbocca lo svincolo in direzione di Amaro. Oltre il ponte sul Fella, appena superato il viadotto autostradale, si prende la strada a destra per Campiolo e la si percorre per circa 500 metri. Oltrepassato anche il letto del rio Favarinis, parcheggiamo negli spiazzi lungo la strada (m. 268, cartello segnavia CAI n.415).

Intrapreso il sentiero, che sale con pendenze varie, si sfiorano prima gli stavoli di Nole e poi gli stavoli Amariana. Giunti a due terzi della salita si sbuca nell’incantevole conca degli Stavoli Vallaconin, che si attraversa puntando verso il  bosco, dove il sentiero continua a salire in diagonale verso nord est.

Tra i faggi si scorge il Fella e il gruppo del Canin, col Plauris in primo piano e, a fondo valle, lo sguardo  spazia da Stazione per la Carnia fin oltre Gemona.  Un’ ultima serie di tornanti più ripidi ed un'inaspettata sorgente d'acqua prelude all’arrivo, in una pineta posta proprio nei pressi della forcella e del suo ricovero dove sosteremo confortevolmente. Il ritorno avverrà per la via di salita.

Difficoltà: E
Dislivello in salita: m. 830
Equipaggiamento: da escursione invernale
Tempi indicativi di percorrenza: ore 4/5
Trasporto: mezzi propri

Capigita: Erika Suchmova - Edi Bottosso