Home :: Gite :: Archivio :: Monte zovo - m. 1937
Domenica 25 Marzo 2018
Val Comelico - Costalissoio
[MONTE ZOVO - m. 1937 - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery
[MONTE ZOVO - m. 1937 - 2][MONTE ZOVO - m. 1937 - 3][MONTE ZOVO - m. 1937 - 4][MONTE ZOVO - m. 1937 - 5][MONTE ZOVO - m. 1937 - 6][MONTE ZOVO - m. 1937 - 7][MONTE ZOVO - m. 1937 - 8][MONTE ZOVO - m. 1937 - 9][MONTE ZOVO - m. 1937 - 10][MONTE ZOVO - m. 1937 - 11]

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdi che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o lo stato del manto nevoso lo richiedessero.

ESCURSIONE CON LE CIASPOLE

Gita in collaborazione con la Sezione CAI di Codroipo

Il Monte Zovo (m. 1937) è una vetta che si eleva al culime di estesissimi prati e consente un panorama con vedute a 360° dalle dolomiti di Sesto, alle Alpi Carniche, alle Terze ed il Cadore.

Da Tai di Cadore si segue la strada per Auronzo e prima di giungervi si svolta a destra imboccando la lunga galleria che porta a S. Stefano di Cadore da dove si prosegue verso il Comelico Superiore. Giunti in Loc. Campitello si svolta a dx per Costalissoio e si va a raggiungere il bar rist. La Baita dove si lasciano le auto.

Qui ha inizio il sentiero, con segnavia CAI 165, che risale con numerosi tornanti il fitto bosco dei Giavi e poi, ignorando alcune mulattiere sulla destra, prosegue con salita costante lungo il boscoso Coston di Sasso Grigno fino a raggiungere le estesissime radure sommitali, dove il percorso si fa più pianeggiante e molto panoramico. Si punta verso nord in direzione della visibile cima del monte Zovo, che si raggiunge con un ultimo tratto in salita.

Per la discesa: dalla madonnina posta sulla cima si scende lungo l’evidente mulattiera con segnavia CAI n. 165 fino ad un bivio dove si svolta a destra per scendere tra prati e boschi lungo la stradina forestale fino in località Costalta, poi da qui si andrà a recuperare le auto al punto di partenza.

Dislivello in salita: mt.640
Difficoltà: EAI (escursionistica in ambiente innevato)
Tempi indicativi di percorrenza: ore 4/5
Equipaggiamento: Invernale, ghette, ciaspe e bastoncini e kit di autosoccorso ARTVa pala e sonda
Trasporto: mezzi propri

Capigita: Sandra Vianello - Edi Bottosso