Home :: Gite :: Archivio :: Monte zaiavor
Domenica 06 Luglio 2014
Prealpi Giulie - Passo di Tanamea
[MONTE ZAIAVOR - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery
[MONTE ZAIAVOR - 2][MONTE ZAIAVOR - 3][MONTE ZAIAVOR - 4][MONTE ZAIAVOR - 5][MONTE ZAIAVOR - 6][MONTE ZAIAVOR - 7][MONTE ZAIAVOR - 8][MONTE ZAIAVOR - 9][MONTE ZAIAVOR - 10][MONTE ZAIAVOR - 11][MONTE ZAIAVOR - 12][MONTE ZAIAVOR - 13][MONTE ZAIAVOR - 14][MONTE ZAIAVOR - 15][MONTE ZAIAVOR - 16][MONTE ZAIAVOR - 17][MONTE ZAIAVOR - 18][MONTE ZAIAVOR - 19][MONTE ZAIAVOR - 20][MONTE ZAIAVOR - 21][MONTE ZAIAVOR - 22][MONTE ZAIAVOR - 23][MONTE ZAIAVOR - 24][MONTE ZAIAVOR - 25][MONTE ZAIAVOR - 26][MONTE ZAIAVOR - 27]

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso la segreteria della sezione aperta il martedì e venerdì dalle ore 21.00 alle 22.00.

Per iscrizioni: martedì 1 e venerdì 4 luglio.

Per questa domenica era in programma Cima Folga nel gruppo dei Lagorai ma, a causa delle imponenti nevicate e delle successive conseguenze, il percorso è in parte impraticabile, pertanto in alternativa si propone la salita al nostrano e molto panoramico

Monte Zaiavor - m. 1815

Il Monte Zaiavor, ad est della luna catena dei Musi, è l’ultimo rilievo montuoso dal quale si gode di un vasto panorama.
Lasciato il mezzo di trasporto nelle vicinanze dell’ex pubblico esercizio di Passo Tanamea (m.851), si rientra qualche centinaio di metri verso Tarcento per imboccare il sentiero sulla destra (segnavia CAI n.727), il quale sale con stretti tornanti nella luminosa faggeta, al termine dei quali un lungo traverso consente di passare sul versante del Rio Bianco (nord).
Ampia si apre la vista sull’anfiteatro del Tazajauron sormontato dalla nuda cima del Zajavor. Saliti ancora un po’ di quota, si prosegue con leggeri saliscendi, sempre in mezzo a piante di faggio, poi si scende brevemente nell’ampio impluvio prativo della ex Casera Zajavor (m.1399). Ci troviamo di fronte ad un incantevole ambiente alpestre.
Attraversato il Rio Bianco si attacca la parte finale dell’ascesa che porta alla Bocchetta Zajavor (m.1608) attraversando i verdi pascoli di un’antica malga, con alcune ampie svolte ricche di fiori alpini, piacevolissime da percorrere. Superati gli ultimi cento metri di dislivello si arriva alla Bocchetta da dove si può godere di un’ampia veduta verso nord. ( 2 - 2,30 ore di cammino). Da qui una breve variante lungo la ripida cresta orientale, consente, in circa mezz’ora o poco più, di salire sulla panoramica vetta dello Zajavor (m.1815 - libro e timbro di vetta). Splendida vista panoramica ed interessante la flora alpina.  Rientro per la via di salita.



Accesso: Tarcento – Valle del Torre – Passo di Tanamea, m.871 – Sent. n. 727- Bocchetta dello Zaiavor m. 1608 – Monte Zaiavor, m. 1815.

Difficoltà: Escursionistica
Dislivello:  m. 965
Tempi di percorrenza : circa 6 ore
Equipaggiamento: da escursionismo in montagna
Trasporto : mezzi propri

Capigita: Lucia Bonfada , Bruno Basso, Jacopo Verardo, Virgilio Ciriani.