Home :: Gite :: Archivio :: Monte penna e monte nero
Da Sabato 10 Ottobre a Domenica 11 Ottobre 2015
Appennino Parmense – Loc. Faggio dei Tre Comuni – Bedonia (PR)
[MONTE PENNA e MONTE NERO - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso la segreteria della sezione aperta il martedì e venerdì dalle ore 21.00 alle 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte:
da martedì 22 settembre fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Vedi il regolamente gite sociali.

MONTE PENNA m. 1735 e MONTE NERO m. 1752
In collaborazione con il CAI di Parma

Il Monte Penna è senza dubbio la montagna che simboleggia il settore occidentale dell'Appennino parmense, per la sua forma inconfondibie, per il suo aspetto roccioso e piramidale e per la bellezza dei luoghi che lo circondano.
L'ascesa alle panoramiche rocce del Treine, la salita lungo il versante orientale del Monte Penna e l'attraversamento dei boschi che circondano le sorgenti del Taro, permettono di conoscere ed ammirare i differenti aspetti di una montagna sorprendente ed affascinante. Tutta l'area del monte Penna ha un altissimo valore paesaggistico, geologico e naturalistico.

Il vicino gruppo montuoso del Monte Nero, oggetto della salita del sabato, rappresenta un autentico gioiello naturalistico. Infatti poche altre montagne appenniniche possono vantare un patrimonio naturale paragonabile a questa zona. Oltre ad attraversare splendidi ambienti naturali e a raggiungere un privilegiato punto panoramico, il percorso che seguiremo è considerato un vero e proprio itinerario "didattico" che consente di capire i vari stadi di progressiva trasformazione di un lago in torbiera, di osservare la rarissima coesistenza di pino mugo e abete bianco e di riconoscere le tracce dell'antico passato glaciale di questa montagna.

Tutta l'area e in particolare la poderosa Foresta del Monte Penna sono caratterizzate da una spiccata attitudine allo sfruttamento economico grazie alla silvicoltura e alla raccolta dei famosi porcini della Val Taro.
In questo periodo infatti numerosi raccoglitori si avventurano a tutte le ore per raccogliere questi autentiche prelibatezze del bosco.
Al Rifugio "Faggio dei Tre Comuni", dove pernotteremo, sarà possibile assaporare queste specialità in un clima confidenziale e amichevole.

Note tecniche:

Sabato 10 ottobre 2015 - Salita al Monte Nero (m.1752)
Ritrovo a Bedonia (PR) e saluto del Sindaco, poi si raggiunge in auto il Passo dello Zovallo (m.1409) dove lasciata l'auto nell'ampio parcheggio sterrato a bordo strada, prendiamo il sentiero ben indicato per il Lago Nero. Dopo pochi minuti troviamo il bivio per il Monte Nero (sentiero 003) e lo prendiamo. Il sentiero sale ora in modo più deciso, dapprima in una ombrosa faggeta poi tra bassi pini mughi.
Con un ultimo strappo si raggiunge la bella cresta, quindi in leggera salita tra pini e bellissime fioriture si raggiunge la croce di vetta del Monte Nero.
Panorama stupendo su tutto l'Appennino Ligure, sui vicini Monti Bue e Maggiorasca e sul Lago Nero.

Difficoltà: E
Dislivello: 405 m.
Durata: 2h e 45min.
Segnavia: sentiero 001 003


Domenica 11 ottobre 2015 - Salita al Monte Penna (m.1736)

Per questa salita sono possibili due percorsi:
1) Percorso 1:
Partenza dal Rifugio Faggio dei Tre Comuni (m.1400), si percorre il nuovo sentiero che conduce alla parte più impegnativa del percorso che da ovest verso est sale lungo la parete nord est del Monte Trevine.
Raggiunta la sommità si riprende il sentiero 871 reincontrando gli altri escursionisti per percorrere la cresta e l'ultimo tratto fino alla cima del Monte Penna (mt.1735).
Da qui sarà possibile scendere lungo il panoramico versante ovest del gruppo montuoso fino al Passo dell'Incisa a mt.1476. Abbandonato il sentiero 871 si percorre la forestale lungo il sent. 853 passando dalle sorgenti del Fiume Taro e con una deviazione sull'871A si raggiunge il Rifugio.
Difficoltà: EEA
Dislivello: m 440
Equipaggiamento: Casco, imbrago e kit da ferrata
Durata complessiva 3h.30’

2) Percorso 2:
Partenza dal Rifugio Faggio dei Tre Comuni (m.1400), si percorre il sentiero 871 e si raggiunge la vetta del Monte Trevine mt.1651. Si ritorna lungo la dorsale del Monte in direzione nord ovest per incontrare gli altri escursionisti usciti dalla ferrata.
Difficoltà: EE
Dislivello: m. 440
Durta complessiva 3h.00

Gita a posti limitati: massimo 20 partecipanti
Necessario il sacco lenzuolo per il pernottamento al rifugio
Trasporto: mezzi propri