Home :: Gite :: Archivio :: Monte antelao (annullata e sostituita con il monte coglians)
Da Sabato 27 Luglio a Domenica 28 Luglio 2013
Alpi Carniche - Gruppo del Coglians - Chianevate - Forni Avoltri
[MONTE ANTELAO (ANNULLATA E  SOSTITUITA CON IL MONTE COGLIANS) - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Iscrizioni : entro il venerdi’ 19 luglio

Le iscrizioni si ricevono presso la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle 22.00

A causa del perdurare di neve e ghiaccio nella parte alta dell’Antelao, la gita è stata annullata e sostituita con la salita al monte Coglians (m.2780).

La gita rimane di due giorni, Sabato 27 e Domenica 28 Luglio e l’escursione ci porterà al Lago di Volaia e poi al Monte Coglians, la cima più alta del Friuli.

La partenza è prevista dalla sede CAI, Sabato 27 Luglio alle 06.30, si raggiungerà il Rif.Tolazzi dove, lasciate le auto, si sale per comodo sentiero al Rifugio Lambertenghi e poco oltre alla bella conca del Lago di Volaia. Dopo una opportuna pausa si prosegue lungo il Sentiero Spinotti per raggiungere il Rifugio Marinelli dove si pernotterà.

Domenica mattina si sale alla vetta del Coglians per via normale. La discesa ci porterà nuovamente al Rifugio per poi rientrare passando per Malga Morareet.

Data la limitata disponibilità di posti in rifugio (12/15 persone max) si invita chi fosse interessato ad iscriversi entro venerdì 26 in sede CAI. Per info telefonare al 347/5905230 

Trasporto: mezzi propri
Capogita: Dario Travanut – Edi Bottosso – Gianfranco Brusutti - Sandra Vianello

Si tratta della più alta cima del Cadore, da cui il soprannome di Re del Cadore o Re delle Dolomiti, terza vetta dolomitica per altezza dopo le Punta Penìa e Punta Rocca della Marmolada.
Via di salita non difficile ma che richiede condizioni adatte, assenza di ghiaccio, esperienza e molta attenzione in alcuni punti con brevi passaggi su roccia.
Nei giorni di bel tempo, dalla cima di questo gigante, si può ammirare un grandioso panorama a 360° e numerose tra le più belle vette delle Dolomiti quali Sorapis, Pelmo, Civetta, Cristallo, Tofane e più in là fino a quando l’occhio riesce e la trasparenza del cielo lo consente. 

Breve descrizione dell’intinerario: dalla forcella Piccola risaliremo il sentiero segnato per pendio erboso e poi per l´ampio vallone ghiaioso con percorso ad arco che ci porterà alla ripida cengia che sale all´inizio della lastronata inferiore, sulla larga cresta nord. Proseguiremo per i lastroni verso l´inizio della seconda lastronata con pendenza maggiore (fino a 35-40°) per raggiungere il Biv. Cosi (m. 3111). Dal qui proseguiremo sul versante est raggiungendo i massi sommitali della cima (m.3264).
Discesa per la stessa via di salita.

Accesso; 1° g.: da San Vito di Cadore al Rif Scotter, m. 1580 e al Rifugio Galassi (m. 2018) – pernottamento. 2° g.: Rifugio Galassi (m. 2018) – Forca Piccola, m. 2120 – Bivacco Cosi, m.3111 – Vetta Antelao, m. 3264. 

Dislivello: 1° g. m. 540; 2° g. 1250
Difficoltà percorso: EEA - A
Equipaggiamento: abbigliamento da alta montagna e attrezzature per l’auto assicurazione.