Home :: Gite :: Corno del renon e totenkirchl alpe di villandro
Da Sabato 23 Febbraio a Domenica 24 Febbraio 2019
Alpi Sarentine (BZ)
[CORNO DEL RENON e TOTENKIRCHL ALPE DI VILLANDRO  - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Gita con pernottamento in rifugio: le iscrizioni sono aperte fino a venerdì 18 gennaio.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o lo stato del manto nevoso lo richiedessero.

CORNO DEL RENON (m. 2261) e TOTENKIRCHL (m.2186) ALPE DI VILLANDRO
Alpi Sarentine (BZ)

In collaborazione con CAI Sacile

ESCURSIONE CON LE CIASPOLE

1° giorno: DAL RIFUGIO GASSER AL CORNO DEL RENON (m. 2261)

Il Corno del Renon, è una montagna delle Alpi Sarentine (2.261 m.) che sorge al limite settentrionale dell'altipiano del Renon e al limite meridionale dell'Alpe di Villandro. Essa offre una delle viste panoramiche più suggestive dell’Alto Adige, con scorci che spaziano dal Catinaccio alle Alpi Venostane. L’itinerario, relativamente facile è di grande soddisfazione per l’ambiente che si attrversa e le vedute panoramiche sia lungo il percorso che presso la vetta
Descrizione: dal parcheggio presso il rifugio Gasser si procede camminando dalla malga Moar in Plum (possibilità di sosta) fino alla Sella dei Sentieri. Da qui si prosegue lungo il segnavia n. 1 seguendo l’ampio sentiero in cresta fino al rifugio Corno di Renon che si trova sul'omonima cima.

Per il ritorno si consiglia la variante dal rifugio Corno di Sotto, lungo il sentiero n. 0, passando da Kapranka (punto di ristoro Nussbaumer Erdstall) fino al rifugio Gasser.

Difficoltà: EAI medio/facile;
Lunghezza del percorso: 14,5 Km circa
Dislivello: 520 m circa
Pernottamento in rifugio.

2° giorno: ALLA CHIESETTA DEL MORTO/TOTENKIRCHL (m. 2186) E ALPE DI VILLANDRO

La salita su quel enorme pianoro inclinato che caratterizza la bellissima Alpe di Villandro ci consente di godere costantemente, pur in lontananza, la vista su maestose cime, dal gruppo delle Odle, al Sella, il Sassolungo, il Sassopiatto, ecc. La Chiesetta del Morto/Totenkirchl, eretta nel 1899, si trova a 2.186 m. slm, nella panoramica selletta che segna il passaggio dal Monte Villandro alla Val Sarentina, sull'altopiano dell'Alpe di Villandro,

Dal parcheggio "Kaser", poco sotto il grande parcheggio della baita Gasser, si segue il segnavia Rittnerhorn/Gasteiger Sattel, sulla destra di un ruscello. Prima del traversamento del rio si lascia il sentiero largo e si prosegue a destra, attraverso un recinto procedere fino ad una grande baita. Tenendo la destra si prosegue fino alla pista da fondo, attraverso la pista si cammina lungo il crinale fino alla nona stazione del sentiero "Kreuzweg", che conduce direttamente alla chiesetta al Morto/Totenkirchl. Poco prima della meta c'è da affrontare un tratto ripido, dove bisogna prestare attenzione se c'è pericolo valanghe. 

Ritorno: Si ritorna alla prima baita, da qui tenendo la sinistra camminare in lieve discesa (direzione nordest), attraverso i prati alpini – che è permesso solo d'inverno – e si raggiunge un bivio con numerosi segnavia. Seguire il sentiero blu nr. 2, dapprima in direzione "Marzuner Schupfe", da li proseguire in direzione baita Gasserhütte. Appena il sentiero nr. 2 tocca il sentiero che va verso la baita Stöfflhütte proseguire a destra fino ad un'incrocio. Traversare l'incrocio e attraverso i campi di pino fino alla pista da fondo, che conduce al Gasteiger Sattel. Al punto dove la pista da fondo durante la salita è stata traversata a sinsitra i ritornare al parcheggio sulla via d'andata. 

Difficoltà: EAI medio/facile;
Lunghezza del percorso: 11,7 Km circa
Dislivello: 520 m circa

Iscrizioni entro e non oltre il 18 gennaio con versamento di una quota caparra di € 20,00
Quota di partecipazione: € 65,00 che comprende il pernottamento e il trattamento di mezza penzione (bevande escluse) presso l’Active & Relax Hotel Hubertus.

Equipaggiamento: Normale da escursionismo invernale; scarponi, bastoncini, ciaspole, vestiario da media montagna, protezione per il sole, viveri e bevande al sacco, kit ARTVa, sonda e pala.

Trasporto: mezzi propri

Capigita: D. Travanut (cell. 335 6521470) - E. Bottosso (cell. 347 5905230) - S. Vianello (cell. 345 9760717)