Home :: Gite :: Archivio :: Anello dello jof di sompdogna e visita alla linea fortificata dei plans
Domenica 18 Ottobre 2015
Alpi Giulie – Val Dogna
[ANELLO DELLO JOF DI SOMPDOGNA E VISITA ALLA LINEA FORTIFICATA DEI PLANS - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso la segreteria della sezione aperta il martedì e venerdì dalle ore 21.00 alle 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte:
martedì 13 e venerdì 16 ottobre.

Vedi il regolamente gite sociali.

Sui sentieri della Grande Guerra.

L’escursione si svolgerà in due tempi per poter visitare sia i resti della Prima Linea Italiana in cima allo Jôf di Sompdogna, sia la formidabile Linea Fortificata dei Palns costruita per sbarrare l’avanzata degli Austro-Ungarici in caso di sfondamento.

La guerra del 1915-18 si è distinta dalle guerre precedenti per le numerossime battaglie combattute sulle cime delle montagne per la loro conquista e poter quindi controllare le vallate sottostanti per contrastare i movimenti delle truppe nemiche ed utilizzare i cannoni da posizioni favorevoli. Sulle cime e lungo i percorsi per salirvi era quindi necessario costruire trincee, baraccamenti, osservatori, ecc. Una di queste è lo Jôf di Sompdogna che sorge al termine della Val Dogna in uno scenario naturale molto suggestivo reso tale anche dalla vicinanza dell’imponente mole dello Jôf di Montasio

1) Il percorso inizia presso la Sella di Sompdogna (m. 1392) ed in modesta salita va ad innestarsi con il sent. 610 che risale verso la panoramica vetta dello Jôf di Sompdogna (m. 1889). L’escursione continua in discesa sul versante opposto e prosegue sui sentieri che conducono al Rif. F.lli Grego e alla Sella di Sompdogna.

2) Percorsa a ritroso la strada della Val Dogna fino a loc. Stavoli di Plans si lascia l’auto e in breve si giunge all'ingresso del sistema trincerato della Linea difensiva dei Plans.
Si tratta di una lunga costruzione posta trasversalmente alla valle che dal greto del torrente interessava entrambi i versanti ed era articolata su postazioni coperte per fucilieri e tratti in galleria.
Oggi, grazie alla manutenzione, alla pulizia e messa in sicurezza, una buona parte del complesso difensivo è agevolmente percorribile lungo gallerie e trincee con la possibilità di visitare numerose postazioni e diramazioni.

Difficoltà: E
Dislivello: m. 600 + 100
Note: gita escursionistica di interesse naturalistico e storico.
Necessaria una pila per la visita alle gallerie.
Trasporto: mezzi propri
Capigita: Francesca Portolan – Alessandro Del Frari